Dialett polesan

Lumbard ucidental Quest articol chì l'è scrivuu in lombard, grafia milanesa.

El Polesan l'è on dialett venet central.

Cuntegnüü

Difusion e caratteristeghModifica

El Polesan a l'è parlaa in del Polesen, che 'l corespond pù o manch a la Provincia de Rovigh. A l'è ona parlada de confin, già che 'l se troeuva arent ai parlà emilian (el ferrares, che l'è parlaa anca in d'on quai tocchell de la Provincia); donca el gh'ha anca di influenz fonetegh e lessicai.
A l'è parlaa anca in de l'Agher Pontin (Lazzi), là indè che hinn rivaa i migrant veneti ai temp di bonifegh voruu del regimm fascista, con la fondazion de città compagn de Latina. Di esempi de dialett polesan (mes'ciaa cont el dialett ferrares) se poden trovà, per esempi, in del liber Canale Mussolini de l'Antonio Pennacchi.

Esempi de lenguaModifica

Dialett de AdriaModifica

CivilModifica

Ve digo dunque che che ai tempi del primo re de Zipro, quando zà la Tera Santa gera stà conquistà da Gofredo Buglion, è nato che una nobile de Guascogna l'è andà come pelegrina al Santo Sepolcro; e tornando indrio, có l'è rivà a Zipro, la s'ha imbatùo in certi figuroti, spiuma de canagie, che ghe n'ha fato de quele che no ve digo e no ve conto. E per questo la gera dispazientissima, tanto che no la se podeva dar paxe. Ela la gavea ben pensà de andar dal re a dar soxo la sò querela, ma zertuni i ga dito: "Fè pur de manco, se no volì fare un gran fiasco, perchè 'l re l'è tanto un scempio e poco de bon che no basta che 'l no vendica le ofexe che i ghe fa i altri: ma lu stesso el se ne tol suxo moltissime con una de quele viltà de novo conio, che no se pol dar la compagna; anzi de più, se gh'è de quei che che veda de mal ocio qualchedun, i se sfoga tolendolo per man e svergognandolo lu". Quela signora, có l'ha sentìo 'sto tanto, desperà de no poderse vendicar a sò modo, per consolarse un poco del sò dispiazer e cavarse un tantin de 'sta spina, la s'ha fissà de volerghe rinfazzare al re la sò balordagine; l'è andà con tanto de lagreme da lu, e la ga dito: "Signor!, no la creda che vegna qua perchè me aspeta che la me daga raxon de le porcarie che m'è stà usà; ma inveze de vendeta la me fazza grazia de insegnarme come che la fa a ingiotirse tute quele che me vien dito che i ghe fazza; perchè impara anca mi da ela a torme suxo in santa paxe la mia. E ghe zuro ben che se podesse, mi ghe daria co tuto el cuor anca la mia, zà che lu ga tanto bone spale da portarghene".
El re, che fin alora el gera stà cussì pigro e mincion come v'ho contà, ga parso che 'l se svegia tuto int un fià; l'ha cominzià da la baronada che i gavea fato a la zentildona, che 'l la ga castigà coi fiochi; e 'l s'è messo pò co le man e coi piè a vendicar anche tuto quelo che gavesse dà ombra al sò onor e a quelo de la sò corona.
Giovanni Papanti, I parlari italiani in Certaldo, 1875, pag. 408-409

PlebeeModifica

Mi a digo donca che quando che comandava el primo re 'd Sipro, dopo che Gofrè de Bugion ga ciapà Terasanta, è nato ch'na lustrissima 'd Guascogna l'è andà a d'sfare un vodo al Santo Sepulcro; e quando ch'la tornava indrio, có l'è stà a Sipro, a gh'è stà di birbanti, omni vergognusi, ch'la ga strapassà. E per 'sta cossa ch'è qua, cla siora la 's lomentava e 'n la se podeva taxentare, sin a tanto ch'la s'ha pensà d'andare dal re a d'nunsiarli. Ma gh'è stà chi ga dito ch'la gh'andaria buxa, parchè 'l gera tanto mona e bon da gninte, ch'invese 'd far giustisia 'd le canagiade ch'i ghe fava ai altri, 'd tante ch'i gh'ne fava a lu a parea giusto che 'l ne 'gh badasse gnanca; e per questo chi la ghéa su co qualch d'un, i se sfogava cogionandolo e strapassandolo lu. Cla siora, có l'ha sentì st'cosse ch'è qua, ne vedendoghe ciaro de poderse sfogare, per torse un poc'tin de cl'angossa ch'la ghéa, la s'ha pensà 'd darghe intel muxo al re che 'l gera un mis'ron. L'è andà da lu a pianxando e la ga dito: "Sacra Maestà", la ga dito 'd sì, "mi a 'n vegno mia da lu parchè mi creda ch'i me faga giustisia del strapasso ch'i m'ha fato; ma invese 'd giustisia a lo prego che 'l m'insegna come ch'lu el se tol su i strapassi ch'i me dixe ch'i ghe fa a lu, parchè a possa anca mi imparare a sorbirme in santa paxe quelo ch'i m'ha fato a mi. Che ansi, s'as podesse, a lo sa Dio s'a vorìa darg'lo da portare a lu, xa ch'so ch'lu l'è tanto bon da portarg'ne".
El re, che gera stà fin alora prego e bon da gninte, come se 'l s'desmissiasse, l'ha scominsià a far giustisia da bon, prima 'd la canagiada che i ghéa fato a cla siora, e pò anca de tute quele ch'da quel dì lì i ghesse fato contro 'd la sò sacrà maestà.
ibidem, 409-410

RusteghModifica

La Z la va parnonziada tant 'me ona [θ].

Mi a digo donca che quando che ghe gera el primo re de Zipro, quando Gofredo de Bugion gavea zà conquistà la Tera Santa, l'è capità ch'na gran siora de Guascogna l'è 'ndà a desfare 'n aódo al Santo Sepolcro; e quando che l'è tornà indrio e che l'è rivà a Zipro, l'ha catà de le brute figurazze che no savarae cossa che i ghesse fato. E per 'ste brute cosse, visto che gnissun tolea le sò parte, mezza desperà l'ha pensà de 'ndare a cuntarghelo ar Re. Ma a gh'è stà de quigi che ga dito: "Cossa vuoto andare a fare dar re, che l'è on porcazzo tanto grande che ghe n'importa gnanche de quelo che i ghe fa a lu? Varda ti se 'l starà drio a le monade che i t'ha fato a ti! Vuoto anzi ch'a te ne diga on'antra? Quigi che i ga i corni su con qualcun, i se sfoga fagandoghene d'ogn'erbe on fasso a lu". Quando la ga sentù cussì e che l'ha capì che non la ghe 'n andaxea fuora, per tuorse on puoco del sò despiazere la ga zurà, zà che la ne podea netarse com fa on pilon, de stuzzegare la porchixia der re; e a pianxando la se gh'è 'ndà butare in zenucion, e la ga dito: "Sacra maestà" la dixe, "mi a ne vegno mina qua da ti parchè mi tegna che te me fazzi giustizia de le porcade che i m'ha fato a mi; ma mi a son contenta se te m'insegni domè come che te fa ti a surbirte quele ch'a sento che i te fa a ti, e cussì anca mi puossa surbirme le mie, che s'a podesse, ch'a me vegna on colpo s'a no te le darae a ti, ch'a sento che ti è tanto brao da mandarle zò".
Er re, che fin alora el gera stà 'na marmota porca, come che 'l se desdrumissiesse, l'ha scominzià da chela siora, e 'r l'ha vendicà cussì da bon, che l'è deventà stramaledeto con tuti quigi che da chela volta in qua i ghesse fato de déo a lu.
ibidem, pag. 411

Dialett de BadiaModifica

Dunque digo che intei tenpi del primo re de Sipro, dopo che xe stà conquistà la Tera Santa da Gottifredi Buglion è nato el caxo che una zentildona de Guascogna, andada in pelegrinagio al Sepolcro, de ritorno arivada a Sipro, alcuni birbanti de omeni i la ga brutalmente maltratà. E ela la se n'ha avudo tanto a mal, che la volea còrer subito dal re; ma gh'è stà dito che la podea far de manco e che la ghe andaria par gnente; perchè 'l re el gera fato in 'sta maniera chì, che lu non basta non castigava quei che faxeva de le brute azion ai altri, ma no 'l ghe badava gnanche a le insolense che ghe gera direte a lu. La dona, che ga capìo 'sta antifona, visto che gera difisile el poderse vendicar, ga machinà intela sò testa de tirar simento el re, co l'andarghe pianxendo davanti. E cussì la ga fato, e la ga dito: "Sior mio, mi no son vegnùa qua a la tò prexensa perchè te me daghi raxon de la bruta azion che me xe stà uxà; ma solo te prego, che ti te m'insegni come che te fè a soportare quele che mi sento che i te fa a ti, parchè cussì impara anca mi a soportare la mia con pasiensa; e te giuro che se mi podesse te daria anca la mia de tuto cuor, xà che ti xe tanto bon da portarghene".
El re, che fin alora no 'l gavéa voludo saverghene de gnente, come che 'l s'avesse desmissià, el ga incominsià intanto a vendicar 'sta dona, e dopo l'è vegnù lu stesso un fiero vendicator de tuti quei che gavesse fato una cheunque cossa contro l'onor de la sò corona.
ibidem, pag. 413-414

Dialett de BoaraModifica

Boara Polesine al dì d'incoeu a l'è ona frazion de Rovigh, a nord del centro e in su la riva de l'Ades.

Digo dunque che có regnava el primo re de Zipro, dopo che xe stà tolta al Turco la Tera Santa da Gofredo de Buglion, xe nato che una zentildona de Guascogna l'è andà per divozion al Sepolcro; e de ritorno, có l'è rivà in Zipro, da no so quanta canagia de omani ghe xe stà fato on bruto oltragio. De 'sto fato, lagnandose la bona dona senza costruto, la s'ha pensà de ricorere al re. Ma ghe xe stà dito da qualcun che la perdaria liscìa e saón, perchè lu gera d'ona vita così rota e così da gnente, che non solo no 'l fava giustizia ai altri dei torti che i gaveva ricevù, ma el ne tolerava infiniti altri fati a lu co una viltà che no so dire; intanto che chi gaveva qualche cruzzio el lo sfogava col farghe al re qualche oltragio vergognoso. La dona, có la ga sentìo 'sta cosa, no sperando vendeta, ma pure volendo avere qualche qualche consolazion del sò dolore, la s'ha messo in testa de voler pónzare la mixeria de quel re. E andà davanti a lu co le lagreme ai oci, la ga dito: "Sior mio! Mi, mi no vegno davanti a vu per aver vendeta de l'ingiuria che me xe stà fata; ma in cambio de quela, ve prego de insegnarme come vu sofrì quele che sento che ve vien fate; perchè, su l'exenpio vostro, mi possa co pazienza soportare la mia; che se podesse farlo, Dio lo sa, se ve la donaria volontieri a vu che sì così bravo da soportarne".
El re, che fin alora gera stà ona galana, come se alora solamente el verzesse i oci, scomenzando dal torto fato a 'sta dona, che co rigore el l'ha vendicà, el s'ha messo a perseguitare da bon tuti quei che da alora inanzi fesse qualche cosa contro l'onor de la sò corona.
ibidem, pag. 414-415

Dialett de BottrigheModifica

Bottrighe el se troeuva in su la riva del Pò, arent al confin con l'Emilia.

Mi a digo donca che a chii tenpi che gh'iera el primo re 'd Sipro, dopo che Gofredo de Bugion ga vinto la Tera Santa, è vegnù che 'na gran siora de Guascogna l'è 'ndà, com fa i pelegrin, al Sepolcro; e quando ch'l'è tornà indrio, có l'è rivà a Sipro, l'è stà maltratà da di birbanti che i 'gh n'ha fato de tute le sorte. E p'r questo ela la se n'è avù a male purassà, che no la podeva quetarse e l'ha p'nsà d'andar dal re a darghe zò. Ma qualch d'un ga dito ch'la fassa pur d' manco, p'rchè zà el re 'l gera un che 'l n'voleva mai far gninte, che 'l gera un ignorante e poco da bon; che quando ch'i ghe faxeva qualcossa, lu el n'ghe badava, com fa gnanche ch'i ghe 'l dexesse; e manco quando ch'i gh'in faxeva ai altri; e quando che qualch d'un el gh'eva chelcossa co un antro, el s'la toleva col re, sfogandose con lu, invece de torsela con quelo che 'l la gh'eva. Quando cla siora ch'l'ha sentù 'sta roba, inrabià 'd non poderse vendicare, p'r consolarse un poc'tin del sò male, l'ha p'nsà de 'ndar dal re a dirghe ch'l'è un poltron. E l'è 'ndà dnansi a lu a pianxando e la ga dito: "Sacra Maestà re! Mi an vegno chì da ti p'rchè a spera ch'te me fassi giustisia, p'rchè xa a 'l so che ti a ne 't fa giustisia con nissun; ma invese che 't me fassi giustisia, at prego ch'at m'insegni come ch'at fa ti a torte suxo, com fa un musso, tute cle briconade ch'a sento ch'i 't fa a ti; p'rchè imparando come ti te compatissi le tóe ch'i 't fa a ti, a possa anca mi compatire le mie ch'i m'ha fato a mi; ansi, ch'an vada più via da chì se a ne 't darave volontiera anca la mia, xa ch'at ga dle bone spale da portarghene".
El re, che 'l gera stà fin alora on mona, e pigro com fa 'na lumaga, come se 'l s'esse desdrumissià int chel momento, l'ha cominsià da cla porcaria ch'i ga fato a cla siora, e l'è v'gnù d'alora in qua el più cativo ch'agh fusse su la tera p'r vendicarse de quelo che fusse fato contro 'd lu e dla sò corona.
ibidem, pag. 415-416

Dialett de Castel GuglielmoModifica

Castel Guglielmo a se troeuva a sud-ovest de Rovigh, e l'è traversaa del Canal Bianco.

Digo donca che ai tenpi del primo re de Cipri, dopo che 'l ga conquistà la Tera Santa on certo Gotifrè de Buglion, è nato che ona zentildona de Guascogna la xe andà in pelegrinagio al Sepolcro; e tornando da de là e arivà a Cipri, l'è stà oltragià da dei birbanti. Ela, dolendose de 'sta cossa, senza consolazion l'ha pensà de andare a farghene parte al re. Ma ghe xe stà dito da qualche d'un che la saria fadiga persa, perchè 'l gera on omo che non ghe pensava de gnente, che inveze de vendicarla co la giustizia el la gavaria rimproverà anca elo, tanto che quelo che gaveva el dispiazere a ghe tocava sentire di altri strapazzi. Quando che la dona ga sentìo cussì, la s'ha messo in mente de poderse vendicare per trovare un pò de ben, perchè la se sentiva cussì stufa, de ponzere la mixeria del re. E la xe andà davanti a lu pianzendo e la ga dito: "Sior mio, mi non vegno a la tò presenza perchè te me faghi vendeta de on'ofexa che mi go rizevùo; ma perchè, in sodisfazion de quela, te prego che te me insegni come che te sofri quele che le xe fate a ti: perchè, imparando da ti, mi possa con pazienza soportare la mia. E 'sta cossa (lo sa Dio se mi podesse fare!), volentiera te la doneria, zà che te sì tanto tanto bravo de soportarle".
El re, che fin alora el gera stà tardivo e pigro, come che 'l se fosse svegià da on sono, l'ha cominzià da quela cativa azion che xe stà fata a quela dona, e 'l la ga vendicà quanto el podeva; e l'è deventà on vero aguzzin de quanti i gavesse fato o dito qualche cossa contro el sò onore e contro la sò corona.
ibidem, pag. 417

Dialett de GrignanoModifica

Dialett de LendinaraModifica

Dialett de LoreoModifica

Dialett de Porto TolleModifica

Dialett de RovighModifica

CivilModifica

PlebeeModifica

AriosModifica

Vos corelaaModifica