La bella Gigogin

Lumbard ucidental Quest articol chì l'è scrivuu in lombard, grafia milanesa.

La bella Gigogin l'è ona canzon patriottega italiana del XIX secol, che l'è deventada anca vuna di pussee famos de la tradizzion lombarda e del Resorgiment.

StoriaModifega

L'è stada scrivuda in del 1858 del composidor milanes Paolo Giorza, che 'l s'è ispiraa a di canzon popolar lombard e piemontes (Gigogin el saria on diminutiv piemontes per "Teresa"). El test l'è scrivuu in d'on misturon de italian popolar e lombard. L'è stada cantada per la prima voeulta el 31 de dicember del 1858 al Teater Carcano de Milan, e l'è deventada subet on gran sucess.
A l'è ona canzon piena de alegorii e referiment a la situazzion politega del temp, cioè el domini austriegh a Milan e l'invid a Vitori Emanuell II de moeuves a liberà l'Italia. In realtà l'era deventada inscì popolar che l'era sonada anca di band militar austriegh: a la bataja de Magenta l'eva cantada sia di frances che di austriegh.
Al dì d'incoeu la soa melodia l'è doperada 'me sigla del giornal radio de la Lombardia, in su la RAI.

El testModifega

Rataplan! Tambur io sento
che mi chiama la bandiera.
Oh, che gioia, che tormento:
io vado a guerreggiar!
Rataplan! Non ho paura
delle bombe e dei cannoni;
io vado alla ventura:
sarà quel che sarà...

E la bella Gigogin,
col tremille-lerillellera,
la va spass col sò spingin col tremille-lerillellà.

A quindici anni facevo all'amore,
daghela avanti un passo, delizia del mio cuor;
a sedici anni ho preso marito,
daghela avanti un passo, delizia del mio cuor;
a diciassette mi sono spartita,
daghela avanti un passo, delizia delizia del mio cuor.

La ven, la ven, la ven a la finestra,
l'è tutta, l'è tutta, l'è tutta inzipriada,
la dis, la dis, la dis che l'è malada,
per non, per non, per non mangiar polenta;
bisogna, bisogna, bisogna aver pazienza,
lassàlla, lassàlla, lassàlla maridà!

Le baciai, le baciai il visetto, cium cium cium;
la mi disse, la mi disse "Oh, che diletto!", cium cium cium
là più in basso, là in più in basso in quel boschetto cium cium cium
anderemo, anderemo a riposar!